De Madrid al Cielo

Madrid è un luogo strano. Non credo che piaccia la prima volta che ci si va. Non ha nulla di quello che ci si può aspettare dalla Spagna. È moderna più che pittoresca. E pure, a conoscerla, è la città più spagnuola di tutte, la migliore, in cui vivere, la gente più simpatica, il clima più bello in qualunque mese dell’anno e, mentre le altre grandi città simboleggiano tutte la provincia in cui si trovano, sono in sostanza andaluse, catalane, basche, aragonesi, e comunque provinciali, soltanto Madrid può darvi l’essenza. 

Ernest Hemingway

La prima volta che vedi Madrid ti colpisce per gli enormi palazzi bianchi che si susseguono in Gran Via, per il flusso continuo di gente variopinta, per le sue piazze ed i suoi artisti di strada, per le luci artificiali che la fanno brillare dopo il tramonto. E’ bella, sì. Ma rimani un po’ spiazzato dalle aspettative non soddisfatte; non ti aspettavi toreri a sventolare bandiere rosse in ogni angolo, né chitarristi di flamenco in ogni via, quello no; ma immaginavi una città più spagnola, diversa, più “pittoresca”.

La seconda volta che vedi Madrid, tutto cambia. E se, per caso, ti capiterà di viverci in quella città ne rimarrai ammaliato, stregato. Lei sarà tua e tu sarai suo, in un legame indissolubile tra te e le strade della Latina, tra i tuoi pomeriggi ed i colori di Malasaña, tra la tua nostalgia ed i colori del suo cielo. Imparerai a conoscerne le sfumature, i suoi angoli migliori, i suoi odori cangianti a seconda delle fasi del giorno, il rumore delle sua gente ed il silenzio delle sue vie più segrete. Adorerai cambiare città semplicemente cambiando quartiere; e così la stravaganza di Chueca, l’eleganza del quartiere di Palacio Real, il fascino inestimabile di Las Letras ti attraverseranno il cuore mentre tu attraverserai loro. A prescindere dalla tua passione per l’arte, non potrai fare a meno di entrare una, due, tre e più volte in quei tanti musei che impreziosiscono la città. Come un vero madrileño, approfitterai dei momenti di sole e aria frizzante per passeggiare al Parque del Retiro, per stenderti sul suo prato e incantarti ad osservare i bambini che giocano, gli innamorati che remano nel laghetto centrale, i musicisti che suonano, le anziane signore che fanno ginnastica. Conoscerai ogni angolo del Rastro e la domenica mattina sarà la tua unica fede. Il Matadero la tua seconda casa e Madrid Rio il luogo delle immense passeggiate riflessive. Andrai a zonzo tra i vari Mercado e stilerai la lista dei tuoi preferiti, ma non sarà mai una classifica definitiva. Calcolerai le tue giornate sulla base dell’orario del tramonto, in modo da essere nel punto in cui ogni persona dovrebbe stare, a quell’ora, almeno una volta nella vita: il sole che abbandona Madrid dal Tempio di Debod, nelle giornate chiare e limpide, è una di quelle sensazioni che rimane impressa a fuoco sulla pelle. Potresti provare a raccontarla, ma non riusciresti ad esprimerne la bellezza.

Proverai a mantenere uno stile di vita sano ed equilibrato. E sappi che ogni tuo tentativo sarà invano: ti perderai in un tripudio di jamon e cerveza e croquetas e queso manchego e bocadillos de calamares e tortilla e tinto de verano e churros y chocolate. Appesantito a tal punto, inizierai a scalare palazzi e colline e mirador, il tutto per vedere Madrid da un’altra angolazione, da quella che forse le rende più giustizia: dall’alto. Avrai probabilmente sentito la frase «de Madrid al cielo», magari senza comprenderne il significato. Ma osservandola da quella nuova prospettiva, vedendone i suoi contorni definiti che si stagliano sul cielo rosa del tramonto, imparando a conoscerne il profilo – così netto in corrispondenza delle Quatros Torres – non avrai altro dubbio. Comprenderai che come Madrid, nessun’altra città in terra.

«Pues el invierno y el verano,

en Madrid solo son buenos,

desde la cuna a Madrid,

y desde Madrid al Cielo»

Luis Quiñones de Benavente,«Baile del invierno y del verano».

Quando ami una città, non puoi che raccontarla così. Ma i consigli pratici, sono fondamentali per viverla al meglio! Ecco qui la nostra lista di «10 – o forse più – cose da fare a Madrid»

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...